INTRODUZIONE

Webmaster ed Autore: Prof. Antonino Cucinotta
Dottore in Fisica
Docente di Elettronica e Telecomunicazioni
presso l'Istituto Tecnico Industriale"Verona Trento" di Messina
Copyright 2002 - Tutti i diritti riservati


Vi consigliamo di visitare questi siti/We recommend to you to visit these websites:
http://www.culturacattolica.it/
http://www.librishop.it/

???

E' POSSIBILE ABBATTERE LA BARRIERA DI INCOMUNICABILITA' CHE IMPEDISCE AGLI UOMINI DI SCIENZA DI FARSI CAPIRE DA TUTTI ?

E' POSSIBILE FAR CAPIRE ALLA GENTE L'IMPORTANZA DELLA CULTURA SCIENTIFICA
NELL' UTILIZZAZIONE CONSAPEVOLE E RESPONSABILE DEI PRODOTTI TECNOLOGICI CHE DERIVANO DALLE APPLICAZIONI AVANZATE DELLE CONOSCENZE SCIENTIFICHE ?

E' POSSIBILE SPIEGARE CON PAROLE SEMPLICI LE LEGGI DELLA NATURA A CHI NON HA MAI STUDIATO FISICA ?

Questo sito nasce dall'esigenza di sperimentare un approccio elementare ad un vasto campo delle conoscenze scientifiche, quello che riguarda le leggi scritte dal Creatore nella struttura dell'universo,che stanno alla base di tutti i fenomeni fisici che è possibile osservare nel mondo in cui viviamo. Generalmente, chi non possiede una cultura scientifica di base , sentendo parlare di fisica e di fisici, è portato a pensare esclusivamente ad armi nucleari e sistemi missilistici strategici, confondendo la fisica ( dal greco physis = natura),che è la scienza che ha per oggetto lo studio dei fenomeni naturali e delle leggi che li governano, con le varie tecnologie (elettroniche, nucleari,robotiche, missilistiche) che derivano dalle applicazioni delle leggi fisiche.
Non si considera che, mentre gli ingegneri che operano nei vari settori tecnologici, applicano nei loro progetti le leggi naturali scoperte dai fisici, questi invece , nel fare ricerca pura (la ricerca che viene fatta senza chiedersi quale ne sia l'utilità), hanno come unici obiettivi il progresso della conoscenza e la ricerca di leggi e modelli che siano in grado, non soltanto di spiegare i fenomeni naturali già  studiati sperimentalmente, ma di prevederne altri, non ancora osservati, perchè , per esempio, molto rari, ma che potrebbero essere osservati in futuro e spiegati come conseguenze delle leggi fisiche note ed ampiamente verificate dalla comunità scientifica.
Nel campo delle scienze fisiche le difficoltà di comprensione per i non addetti ai lavori sono dovute principalmente ai termini specifici ed ai formalismi matematici di varia complessità che costituiscono il linguaggio standard utilizzato per l'esposizione di una teoria.
Perchè allora non provare a spiegare in modo elementare le leggi fisiche usando il linguaggio comune, prendendo spunti dall'osservazione della natura e dei molteplici aspetti della realtà che ci circonda e limitando al minimo indispensabile l'uso delle formule matematiche?
Ma, al di là della conoscenza delle leggi naturali, è fondamentale per l'uomo ipertecnologico del terzo millennio riscoprire il piacere di provare stupore e curiosità osservando la natura in tutti i suoi aspetti, da quelli più misteriosi ed inaccessibili a quelli più evidenti e comuni, ma non per questo meno affascinanti.
Ci si abitua quasi immediatamente ad utilizzare i più svariati prodotti tecnologici avanzati ,di cui non si può più fare a meno, ma non si prova alcuna curiosità per le leggi fisiche che stanno alla base del loro funzionamento: così si diventa utilizzatori passivi ed acritici di tecnologia, come se il contenitore di ogni prodotto tecnologico rappresentasse una barriera impenetrabile tra la mente e la conoscenza delle leggi fisiche che ne governano il funzionamento.
Un primo passo verso la demolizione della barriera di incomunicabilità deve essere fatto impostando lo studio delle scienze , e della fisica in particolare, con metodi didattici innovativi, per eliminare la netta separazione esistente tra la cultura umanistica e quella scientifica, sforzandosi di diffondere, soprattutto nei giovani, una mentalità nuova che promuova la formazione di una cultura di base unitaria, umanistico-scientifica, atta ad eliminare ogni sorta di pregiudizio nei confronti della vera scienza, che deve essere considerata unicamente una meravigliosa frontiera di espansione dello spirito umano verso il campo sconfinato della conoscenza.
In questo contesto nasce l'idea di offrire alla gente una visione nuova delle leggi naturali, svincolata dai poco attraenti schemi didattici tradizionali ed orientata essenzialmente a stimolare la curiosità scientifica per tutto quello che fa parte della nostra vita.

PAGINA   PRECEDENTE
PAGINA   SUCCESSIVA